HASHTAG strumento di comunicazione sociale

La diversa  morfologia del cyberspazio permette di superare, tramite l’uso di strumenti sociali, vincoli spazio-temporali ed estendere algoritmicamente la propria cerchia di conoscenze e di informazioni disponibili. Questo tipo di strumenti migliorano le relazioni sociali, possono stabilire e velocizzare la comunicazione tra individui che non  si conoscono, diffondere testi, link e  contenuti digitali, amplificare un concetto, un’idea, un parere personale, una notizia recente o recentissima.

• • •

I mattoncini Lego e le web community 2.0

Spesso situazioni reali e situazioni virtuali finiscono  per influenzarsi reciprocamente. Ciascuno dei due universi, reale e virtuale, innesca comportamenti, contromisure, atteggiamenti a partire  dagli stimoli provenienti dall’ “altro spazio”, sia esso reale o cyber.

• • •

Quotidiano di carta o quotidiano online?

Continuo a ripetere, articolo dopo articolo, in questo blog, come la “nuova rete” è un fenomeno molto più ampio di quanto riusciamo oggi noi tutti a percepire, una dimensione, uno spazio, che cambierà i costumi di questo secolo.

• • •

Life online: la rete, un fenomeno in continua crescita

Qual’è l’effettivo utilizzo di internet? È vero che il nuovo web è utilizzato quotidianamente da molti di noi? Possiamo fare a meno di internet? Che effetto hanno gli smartphone sulla nostra vita e sulle nostre abitudini sociali?
Ritengo che il modo migliore per rispondere a queste domande sia quello di analizzare i dati relativi all’effettivo uso di internet, tramite alcune significative statistiche rintracciate proprio, udite udite, in  rete.

• • •

Catfight, bullismo e trollaggio in rete

Spesso in questo Blog ho enfatizzato gli aspetti positivi della rete, tra questi in particolare il fatto che il cyberspazio è aperto a tutti, senza barriere d’entrata,  un universo partecipativo dove, ritengo finalmente, ognuno di noi può dire la sua.

• • •

Sociologia, Sociologi e Social Network

In  questo articolo prendiamo spunto da alcuni riflessioni del professor Guido Marinotti, disponibili in formato video su YouTube.  Il video, di seguito proposto,  è ben fatto, di breve durata. Il protagonista riesce in modo coinciso a catturare subito l’attenzione dell’ascoltatore e fissa, in  pochi minuti, senza nessun preconcetto verso le nuove tecnologie, alcuni  importanti concetti.

• • •

Otto Neurath e l’educazione visiva attraverso i simboli

Sono sempre più convinto che internet, pur essendo un fenomeno di questo secolo, basato su elementi tecnologici e relazionali inediti ed innovativi, possiede radici molto più profonde. Le grandi invenzioni hanno spesso tratto spunto da intuizioni avvenute nel passato, il filo che collega il nuovo al passato è sottile ma robusto e, spesso, pieno di diramazioni.

• • •

Cosa vuol dire essere 2.0 o due punto zero?

Entriamo in un paradosso, prendiamo  spunto dallo stesso fenomeno 2.0 per meglio spiegarlo. Qualche giorno fa qualcuno ha cercato in rete il seguente testo “cosa vuol dire essere 2.0“, il motore di ricerca utilizzato ha proposto tra le innumerevoli alternative uno dei nostri articoli, probabilmente per la presenza nei tag  (parole più significative) di alcuni dei termini ricercati, l’utente in questione ha selezionato il nostro  articolo, il BLOG ha tracciato quest’operazione  e noi, una volta entrati nella sezione statistiche, ci  siamo accorti di quanto accaduto.

• • •

La rete come sistema di comunicazione

Dopo alcuni articoli dedicati alle novità ed alle curiosità della rete, indispensabili per aumentare l’interesse ed il numero di utenti attorno a questo BLOG,  ritorniamo in questo articolo a riflettere “sociologicamente” sul sistema Internet.
Un sistema autopoietico è qualcosa di più di un sistema.

• • •

Bitcoin la moneta digitale

Ci sono situazioni generate dalla rete, come quella che vi sto per raccontare, in grado di stupire anche gli addetti ai lavori, sottoscritto compreso. È il caso di Bitcoin, moneta digitale o forse, per meglio dire, moneta matematica vista la sua natura prettamente virtuale, impalpabile, algoritmica, priva di infrastrutture finanziarie.

• • •

Quali sono le pagine di Facebook più popolari?

Abbiamo descritto, in un precedente articolo, il fenomeno Facebook, evidenziando in particolare la semplicità d’uso e la capacità di aggregare persone siano essi amici, parenti o perfetti sconosciuti.
Facebook si basa quindi, principalmente, sulla nostra trama amicale, ci permette di raggiungere facilmente la nostra “cerchia di conoscenze”, con testi e contenuti multimediali.

• • •