Quali sono le pagine di Facebook PIU’ POPOLARI?

Share Button
Abbiamo descritto,  in un precedente articolo,  il fenomeno Facebook, evidenziando in particolare la semplicità d’uso e la capacità di aggregare persone siano essi amici, parenti o perfetti sconosciuti.
Facebook si basa quindi, principalmente, sulla nostra trama amicale, ci permette di raggiungere facilmente la nostra “cerchia di conoscenze”, con testi e contenuti multimediali.
Facebook permette anche di partecipare a nuovi gruppi, reali o virtuali, e di seguire qualunque cosa, persona o tendenza, di nostro interesse.
Trattandosi di un social network con milioni e milioni di adepti ho ritenuto utile ed interessante analizzare, sempre in modo sommario e nei tempi dettati dalle regole di blogging, quali sono le pagine di Facebook che hanno il maggiore numero di  amici.
Un piccolo avviso per i naviganti, ogni immagine di tipo  “tabella”, qui di seguito proposta, può essere ingrandita clikkandoci sopra.
In Italia:
italia

Come potete vedere nei primi 8 posti  troviamo cinque volte del cioccolato!: Cornetto, Kinder, singolarmente e con il Kinder cioccolato, la mitica Nutella, la merendina Pan di Stelle. Le golosità sono sempre ben posizionate in queste hit di Facebook. Probabilmente queste pagine stimolano la nostra fantasia, avvicinano molte persone ad un ingrediente essenziale e squisito della nostra vita, a questo si aggiungono anche attente strategie di marketing: offerte, concorsi, piccoli premi, spot televisivi….queste tecniche opportunamente combinate rendono il brand (il marchio) familiare, oltre che piacevole per ovvii motivi.
La seconda passione degli Italiani è la telefonia, telefoni e tariffe sono sempre sotto controllo, siamo un popolo di poeti, santi, navigatori, e, soprattutto di chiacchieroni, a maggior ragione ora che possiamo con un solo click stare in chat.
Al decimo posto troviamo Amazon, approfondiremo nelle prossime righe il concetto di “store on line“, visto sia il notevole successo riscosso all’estero dalle pagine di commercio al dettaglio sia il notevole trend di crescita (+26,1%) realizzato in Italia.

In Francia:
francia
Il panorama francese è leggermente più vario del nostro, il cibo la fa sempre da padrone con 4 diverse pagine, poi tecnologia, radio e tv, Disneyland, Air France.
Anche in questa lista troviamo alcune delle passioni che caratterizzano la nostra infanzia, il nostro immaginario, il nostro tempo libero.
…fiabe, viaggi e ancora cioccolata.
In Germania:
germania
Ritroviamo la Nutella ed i Kinder, evidente però, anche per la contemporanea presenza di Mac Donald e per il minor numero di voci cioccolatose, come l’attenzione verso le delikatessen sia nettamente superata da altre passioni, in particolare dal commercio all’ingrosso con Amazon al primo posto.
Store come Amazon rappresentano un fenomeno sociologico interessantissimo, innanzitutto per l’attenzione crescente da parte degli utenti, il volume crescente di affari, ma anche per le modalità d’uso di questi portali, semplici, essenziali, votati ad esporre e a permettere la facile selezione dei contenuti.
Non solo molti di noi raccontano se stessi in rete ma, da qualche anno, riusciamo anche a giudicare la qualità di quello che acquistiamo e, aspetto importante, ad utilizzare serenamente il nostro denaro in transazioni in rete.
Uno spazio vetrina facile da sfogliare, multidimensionale, vicino agli interessi del pubblico “carrello alla mano“.
Il successo della pagine Facebook dedicate agli “store” è diretta conseguenza del processo di fidelizzazione e di crescente fiducia attuato dai grandi store online.
In Gran Bretagna:
uk
Tre Store nei primi dieci posti, qui è ancora più evidente il fenomeno “acquisto on-line” prima evidenziato.
Ancora una volta Amazon al primo posto, eBay il suo diverso antagonista al nono, iTunes store specializzato in ambito musicale al quinto.
Ancora una volta telefonia, cioccolata, viaggi e tempo libero, …
Negli Stati Uniti:
usa
Anche in questa hit troviamo forti punti di continuità con le precedenti: i dolciumi, il commercio al dettaglio, la telefonia, …. l’unica interessante eccezione è, dal mio punto di vista, la presenza di una marca automobilistica, ovviamente prestigiosa come l’Audi, ancora una volta si tratta di un sogno nel cassetto.
Cosa dire, centri commerciali, spot, inserti pubblicitari nei film e nei programmi televisivi hanno indirizzato in modo decisivo l’immaginario collettivo.
Risulta evidente, specie se si analizzano i grandi numeri forniti da Facebook, come queste classifiche di gradimento si somiglino a prescindere dal paese di appartenenza.
I brand legati ai nostri sogni adolescenziali sembrano avere la meglio, forse per l’intensa presenza di adolescenti, nativi digitali, in rete, forse perché in rete torniamo tutti un po’ adolescenti, forse perché i grandi numeri tendono sempre ad annullare le tendenze più originali ed interessanti valorizzando le scelte più facili e generiche.
Una rilfessione va fatta anche sui trend di crescita, praticamente sempre positivi (lo si evince dalla freccia verde) , a testimonianza del fatto che, verso questo tipo di contenuti “generalisti”, il pubblico di Facebook è ancora molto attento e disponibile.
Risulta viceversa  più chiara la proliferazione, discretamente recente, in rete,  di social network tematici, indirizzati a catturare specifici interessi, meno generalisti, meno semplici, rispetto a quelli leader in Facebook.
Facebook è il social network, uno strumento di comunicazione potentissimo, in grado di connettere milioni di persone e di creare trame inedite, nuove sinergie, nuove dinamiche sociali, relazioni tra le persone.
Allo stesso tempo, se si analizza Facebook in modo macroscopico, le sue principali pagine sono specchio delle tendenze e dei desideri che caratterizzano la società reale, prodotto dello sforzo pubblicitario mediatico, in particolare televisivo, avvenuto negli ultimo quarant’anni.
Siamo tutti su internet ma le nostre principali passioni sono ancora legate a doppio filo a quanto ossessivamente proposto dalle pubblicità e dai modelli televisivi.
Mondoduepuntozero.
I dati riguardano il periodo marzo-maggio 2013, la fonte è la già citata quadra.net  la cui fonte originale è www.allin1social.com. Li ringrazio entrambi per questi dati che ci hanno permesso di riflettere assieme. Ricordo che mondoduepuntozero è solo un gioco, una passeggiata da fare assieme in rete, non ha nessun fine commerciale.
Share Button

Lascia un commento