AGCOM saluta gli SMS

Share Button

Quest’articolo prende spunto dal comunicato stampaosservatorio AGCOM sulle comunicazioni” n.3/2016 del 27/10/2016.
Ricordiamo che l’AGCOM è l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Comunicato a dire il vero discretamente breve, caratterizzato da due indicazioni che riteniamo originali e significative in termini statistici.
La prima frase d’interesse è stata ripresa in molti articoli giornalistici, cartacei e in rete. Il comunicato ha avuto grande visibilità in rete per la presenza del termine, forte, “cannibalizzati”. Buzzword che, in “stile” hashtag, ha catalizzato l’attenzione del popolo del web. Riportiamo fedelmente:

Interessante il dato relativo gli sms, sostanzialmente “cannibalizzati” da applicazioni di messaggistica istantanea quali WhatsApp: nei primi sei mesi dell’anno sono stati 12,5 miliardi, il 26,8% in meno rispetto alla prima meta` del 2015 e oltre il 74% in meno riguardo al massimo raggiunto nei primi due trimestri del 2012, quando ne furono inviati 48,3 miliardi.

Il nostro stupore, evidente, è nella contaminazione digitale che la caratterizza. I redattori  AGCOM scelgono uno stile efficace sintetico, attualissimo, in linea con la comunicazione in uso del “nuovo web”. Non è da tutti “cannibalizzare” un dato statistico. Tantomeno da Autorità Garante. Complimenti AGCOM siete assolutamente 2.0!
L’informazione numerica che sostiene tale affermazione è di per sé altrettanto interessante e originale. È finita un’epoca, seppur breve. Gli SMS per quasi vent’anni hanno caratterizzato il nostro modo di comunicare. Velocizzato le nostre comunicazioni. Innescato un modello, inedito, istantaneo,  di comunicazione “uno a molti”.
Il costo fisso per ogni invio e l’obbligo di rimanere entro i 160 caratteri ha modificato, in modo irreversibile (qualcuno forse direbbe irreparabile) il nostro lessico. C’è fortissima correlazione tra un termine come “canibalizza”‘e la diffusione degli SMS. Gli “short messages” sono parte del processo di semplificazione linguistica in corso nel web. Processo da cui scaturiscono nuovi termini e  nuove forme di relazione. Forme di comunicazione molto brevi, sintetiche.
Gli SMS sono gli antesignani degli emoticons, degli hashtag e dei “mi piace”. Anticipatori della nostra cyber socializzazione virtuale oggi possibile tramite strumenti come WhatsApp e Facebook Messenger.
Ci chiediamo, vista la rapidità in cui il fenomeno SMS si è diffuso a livello globale e l’incredibile velocità che ha caratterizzato il suo declino, quanto dureranno gli strumenti social in voga oggi. Siamo di fronte a strumenti dall’impatto enorme e dalla vita brevissima? Probabile.

La seconda frase presente nella nota AGCOM è meno d’effetto ma altrettanto sociologicamente interessante.

Da notare infine che, su base annua, il numero di sim con accesso ad Internet e` cresciuto del 10,8% (51,8 milioni di unità) e che, conseguentemente, il traffico dati e` aumentato del 50% rispetto ai volumi registrati nel 2015.

Internet oggi? È Smartphone. Il telefono smart ha dimensioni, pulsanti, risoluzione video, memoria, pensate per andare in rete. In ogni momento. È il nostro strumento per cercare, per leggere, per comunicare, per condividere, per fotografare. L’indispensabile appendice durante i nostri spostamenti.

Il volume di dati scambiati nel 2016, in un solo anno, è raddoppiato.
In un solo anno, sempre nel 2016, solo in Italia, il numero di SIM con accesso ad internet è aumentato di oltre cinque milioni di unità.

Numeri che non richiedono alcun commento.

Gli SMS ci avevano sorpreso, primo strumento testuale, non vocale, per comunicare tramite il nostro telefono. Mentre scrivevamo il nostro primo SMS partecipavamo, inconsapevoli, ad un nuovo inizio. Un percorso in grado di rivoluzionare le nostre consuetudini sociali,  che ha trasformato i nostri telefoni in computer smart, ricchi di servizi e informazioni. Processo talmente vorace e impetuoso da fagocitare i suoi stessi progenitori, gli SMS.

Il dado è tratto, siamo caduti nella rete. Se gli SMS non sono al passo con i tempi non possiamo che lasciarli indietro. Anzi per meglio dire , in stile AGCOM, non possiamo che cannibalizzarli.

Mondoduepuntozero.

Articoli correlati:

 

Share Button